Guerra degli incubi di Lorenzo Bosisio

TITOLO: Guerra degli incubi
AUTORE: Lorenzo Bosisio
PAGINE: 628
EDITORE: self
LINK ACQUISTO: https://amzn.to/3HqR3cY


TRAMA:
Aska è un ragazzo come gli altri. Incastrato nella realtà del suo paesino natale non ha grandi prospettive per il futuro, anche se nel suo intimo sogna di vivere avventure. Non sa che nel suo cuore è celata un’eredità millenaria, un potere capace di compiere meraviglie.
Una notte la morte bussa alla sua porta e in un baleno la sua vita cambia radicalmente. Scampato per un soffio, il ragazzo si trova catapultato nel mezzo di una epica guerra per la sopravvivenza dei Quattro Regni contro un antico male mai sconfitto, il Signore degli Incubi.
Un esercito di mostri sciama sui Quattro Regni distruggendo tutto ciò che si para sul suo cammino e tocca a un manipolo di eroi, guidato dalla saggezza millenaria di Ailamar, opporsi al male dilagante in una lotta disperata e senza quartiere. Mentre la guerra devasta il mondo in un vortice di follia distruttiva,
Aska affronta un viaggio attraverso l’ombra che alberga in lui alla ricerca di una verità dimenticata.
In quel momento e in un luogo fuori dal tempo, Aska, affronta la sua nemesi in uno scontro che chiuderà un’era e ne aprirà una nuova. Sarà un’epoca di luce o un periodo di cupa tenebra?
Guerra degli Incubi è un romanzo dal ritmo serrato ambientato in un mondo popolato da creature fantastiche e da uomini dotati di poteri straordinari, in cui la manichea lotta fra il bene e male assume una dimensione epica unica e originale.
Se vi è piaciuto il ciclo dell’Eredità, la saga di Shannara o la trilogia di Tenebre e Ossa, amerete questo libro.


ESTRATTI
1) La bianca Torre del Sole, la guglia più alta del palazzo imperiale, simbolo della gloria dell’Impero del Sole Nascente, splendeva nel riverbero morente del tramonto come una lancia di perla conficcata sulla cima dell’imponente promontorio che ospitava Luce. I riflessi rossastri si diffondevano sulla città sottostante,
fino agli ultimi sobborghi, creando stupendi giochi luminosi a cui era impossibile abituarsi.
Da quando era arrivato, ogni giorno Ake percorreva i lunghi tornanti della Grande Strada che serpeggiava intorno al promontorio e che attraversava tutte le città satellite della capitale, fino a raggiungere le mura esterne, anch’esse bianche e levigate, mai colpite da guerre.
Ake amava godersi quello spettacolo ed era un’abitudine che aveva preso fin dalla prima visita alla capitale, quando aveva varcato le porte di Luce alla guida della carovana con i vessilli de Il Trono e la Spada.


2) Quando il sole era alto nel cielo, giunsero in cima all’ultima altura e la piana si aprì sotto di loro: una distesa verde a perdita d’occhio, fino al limite dell’orizzonte, come un mare infinito d’erba rigogliosa. Un enorme crepaccio a forma di croce, largo più di due miglia nel centro e lungo diverse decine, sfregiava la pianura come una gigantesca cicatrice mai guarita. Si narrava che quel baratro non avesse fondo e che
fosse l’accesso diretto all’Abisso, patria dei demoni.
Nel mezzo della Voragine, su un disco di pietra che fluttuava nel vuoto, si ergeva Atkhala, la città d’Argento, il Quinto Regno, la patria del Consiglio dei Maghi.
Da lontano le otto guglie di cristallo del Palazzo del Consiglio spiccavano come lance d’argento e le mura di pietra bianca brillavano al sole come marmo candido. Dalle quattro enormi porte di accesso alla città, lunghi ponti di cristallo, sospesi nel vuoto, si lanciavano come arcobaleni oltre la Voragine verso i quattro punti cardinali dove, sulla terra ferma, terminavano le Grandi Strade che univano la città alle
capitali dei Quattro Regni

Pubblicato da

Nadia Arnice Autrice

Autrice, blogger e poetessa :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...