Blue Room Hotel di Roberto Monti (Horti di Giano)

I libri cartacei sono diventati illegali
Se cerchi una città dall’atmosfera cupa, i cui bassifondi sono stati dimenticati da tutti, dove gli
ultimi fanno paura alla polizia che non osa nemmeno avvicinarsi, allora devi attraversare i vicoli
di Tap Town. Se poi il sindaco vietasse la divulgazione dei libri cartacei, cosa ne sarà degli
scrittori divenuti fuorilegge?
Blue Room Hotel (Edizioni Horti di Giano), il romanzo noir di Roberto Monti, disponibile nello store online di Amazon e sul sito dell’Editore (www.hortidigiano.com), racconta di Tap Town, una città avvolta da una nebbia che nasconde le figure più disgraziate e spietate.
Se esistessero Gotham City e Sin City, infatti, a metà strada tra queste due incredibili città si troverebbe proprio Tap Town.
Il sindaco di Tap Town, Jasmine Brune, con un emendamento speciale, ha proibito l’utilizzo di carta e inchiostro a favore della pubblicazione digitale, unico strumento editoriale legale.
Come per ogni cosa, nell’oscurità vi è comunque chi, in modo clandestino, continua a scrivere sulla carta, sempre più difficile da reperire. Fra questi, Billy Ray è il più bravo, astuto e irraggiungibile di tutti gli autori.
Per debellare definitivamente gli scrittori di cartacei, il capo della polizia, Philipe Gore, organizza
rastrellamenti ovunque per sequestrare tutti i libri cartacei presenti in città, riuscendo a impedire anche l’importazione dai centri abitati limitrofi.
Oltre all’azione della polizia, diversi scrittori di cartacei vengono misteriosamente trovati uccisi e qualcosa li lega al più famoso albergo della città, il Blue Room Hotel.
Un alone di mistero o forse una maledizione circonda questo albergo; fatto sta che, se uno scrittore vi
mette piede, è condannato a morte certa.
Quando anche il decesso di Billy Ray sopraggiunge, conseguenze oscure per il destino dei libri e della carta prendono a materializzarsi.
C’è una stanza infatti nel Blue Room Hotel, la n. 14, che nasconde grandi segreti, e spetta forse ad Adam, un ex editore divenuto un senzatetto dopo l’emendamento, scoprire i segreti dell’albergo più importante di Tap Town?
Un noir che sfocia nel giallo, dal ritmo coinvolgente e dalle atmosfere cupe, dove i bassifondi la fanno da padrone, dove solo chi è invisibile riesce in qualche modo a sopravvivere. L’attuale diatriba tra cartaceo e digitale prende forma in un romanzo dal ritmo incessante, in grado da fare ragionare sull’importanza di un libro stampato, nonostante la velocità della vita attuale che ci spinge inesorabilmente verso le nuove tecnologie, forse in un viaggio di sola andata?
All’interno la prefazione della scrittrice Barbara Sarri.

Recensione

Oggi voglio parlarvi del libro “Blue Room Hotel” di Roberto Monti, una storia intensa, intrigante e con un finale inatteso.

Il sindaco di Tap Town, Jasmine Brune, con un emendamento speciale, ha proibito l’utilizzo di carta e inchiostro a favore della pubblicazione digitale, unico strumento editoriale legale. L’intero potere è nelle mani di Grant: l’unico editore digitale rimasto nella città.

In questo luogo la corruzione è il pilastro della società, c’è ancora chi crede a un mondo libero in cui la passione per i libri non possa tramutare mai.

Un bellissimo romanzo che tratta un tema che in realtà è già molto attuale: oltre alla corruzione della società, all’abbandono della cultura e dei valori morali, c’è il continuo evolversi al digitale e alla tecnologia.

Un libro di poche pagine con una trama stupenda e intricata.

Purtroppo, anch’io ho dovuto acquistare un lettore digitale, in quanto lo spazio a casa mia è limitato per i libri cartacei. Tuttavia, nessun eBook sostituirà mai un libro con una copertina cartonata e le pagine da toccare, annusare, apprezzare.

Stelle ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Roberto Monti
Roberto Monti nasce a Voghera ma vive a Pavia. Classe ’83, nel 2002 vince alcuni concorsi letterari e
ottiene la pubblicazione dei suoi racconti su alcune antologie.
Crea l’universo narrativo La Casa di Bob, intraprende un viaggio che lo condurrà a far conoscenza con molti
bambini nelle scuole nel ruolo di Cantastorie, dando anche vita al Blog Papà in Fasce, dove racconta la
scoperta di quella che ha chiamato “Paposità”. Nel 2019 esce il suo primo romanzo noir Blue Room Hotel
(Edizioni Horti di Giano).

Edizioni Horti di Giano – http://www.hortidigiano.cominfo@hortidigiano.comhttp://www.facebook.com/edizioni.hortidigiano


Dettagli prodotto Cartaceo: 11.00 euro

  • Editore : Horti di Giano (13 agosto 2019)
  • Lingua: : Italiano
  • Copertina flessibile : 101 pagine
  • ISBN-10 : 8894443825
  • ISBN-13 : 978-8894443820
  • Peso articolo : 100 g
  • Dimensioni : 12.85 x 0.66 x 19.84 cm

Dettagli prodotto Ebook: 5.87 euro

  • ASIN : B07V69MC8W
  • Editore : Horti di Giano (5 agosto 2019)
  • Lingua: : Italiano
  • Dimensioni file : 778 KB
  • Utilizzo simultaneo di dispositivi : illimitato
  • Da testo a voce : Abilitato
  • Screen Reader : Supportato
  • Miglioramenti tipografici : Abilitato
  • Word Wise : Non abilitato
  • Lunghezza stampa : 75 pagine

Blood Red Paint di Roberto Monti (Horti di Giano)

Il caso dei writers si insinua tra i vicoli di Tap Town
Il caso dei graffitari continua e l’investigatore Thomas Hardy è chiamato a far luce su questo mistero, che prende vita nella nebbiosa e tenebrosa Tap Town.
Roberto Monti torna sotto i riflettori con Blood Red Paint, un nuovo romanzo noir/hard boiled
pubblicato dalla Casa Editrice Horti di Giano. Un poliziesco fuori dagli schemi, con una
rappresentazione realistica del crimine. Disponibile dal 4 dicembre 2020 sul sito dell’editore
(www.hotidigiano.com), in tutti gli store online e nelle librerie d’Italia.
“Tap Town non dorme mai sonni tranquilli. Il detective Thomas Hardy deve indagare sul caso dei writers, teppisti armati di bomboletta spray che imbrattano ogni superficie della città del
crimine. Per Hardy sembra quasi una punizione essere stato relegato su un caso di secondo piano, ma altri crimini si intrecciano alla sua indagine e lui, indirettamente, riesce a incrociare e confrontare le tracce a suo piacimento. Così la Street Art, costantemente sul confine tra arte e vandalismo,
diviene il centro di tutto in una cupa metropoli dell’illegalità, in cui ogni abitante ha sempre un proiettile col suo nome scritto sopra. Dall’autore di Blue Room Hotel, il secondo capitolo della
serie noir “I Delitti di Tap Town”, che sta conquistando i lettori del genere poliziesco per quel suo stile diretto e senza mezze misure che lo contraddistingue.”
Un testo adatto a lettori curiosi, amanti dei libri realistici pieni di indizi, per coloro che sono
sempre dalla parte della giustizia e sono disposti a scoprire la verità a tutti i costi, e anche per
chi ama la sorpresa e non dà nulla per scontato.
Un libro che ti lascerà attaccato alla pagina fino all’ultima riga!
Perché per Thomas Hardy i delitti di Tap Town non possono restare impuniti, ma si sa, nella città del crimine c’è sempre qualcuno che agisce nell’oscurità.

Roberto Monti

Roberto Monti nasce a Voghera ma vive a Pavia. Classe ’83, nel 2002 vince alcuni concorsi letterari
e ottiene la pubblicazione dei suoi racconti su alcune antologie.
Crea l’universo narrativo La Casa di Bob, intraprendendo un viaggio che lo condurrà a far conoscenza
con molti bambini nelle scuole nel ruolo di Cantastorie, dando anche vita al Blog Papà in Fasce, dove
racconta la scoperta di quella che ha chiamato “Paposità”.
Nel 2019 esce il suo primo romanzo noir Blue Room Hotel (Edizioni Horti di Giano), dopo il quale
ha preso il via la collaborazione con la casa editrice per realizzare anche un graphic novel incentrato
sulle atmosfere noir di Tap Town, che uscirà nel 2021

Home – Edizioni Horti di Giano


Dettagli prodotto Cartaceo: 14.25 Euro

  • ASIN : B08P3VKVQB
  • Editore : Horti di Giano (29 novembre 2020)
  • Lingua: : Italiano
  • Copertina flessibile : 192 pagine
  • ISBN-13 : 979-1280144072
  • Peso articolo : 268 g
  • Dimensioni : 12.85 x 1.22 x 19.84 cm